oggi è , e gli utenti connessi in questo momento sono
 
 

Attualmente sia il profilo economico che professionale di questa figura non è stato ancora definito dalla normativa vigente.

A sopperire tale mancanza ha provveduto l'Associazione Nazionale di categoria degli Interpreti di Lingua dei Segni Italiana A.N.I.M.U., alla quale la C.I.L.I.S. fa solo ed esclusivamente riferimento, che ha stilato il profilo professionale dell'Interprete L.I.S. e il codice deontologico al quale l'interprete si deve attenere.


Nel tracciare un profilo professionale abbiamo individuato i requisiti: l'interprete L.I.S. deve possedere:
-Istruzione superiore
-Titolo di qualifica di Interprete Lis di almeno 1200 ore
-Flessibilità
-Ottima memoria
-Predisposizione per i processi di traduzione ed interpretazione
-Equilibrio emotivo
-Competenza e conoscenza della L1 e della L2
-Capacità organizzative
-Senso di responsabilità e cooperazione
-Velocità di esecuzione

Inoltre, l'Interprete deve conoscere bene:

· Elementi della comunicazione verbali e non verbali
· Deve avere conoscenze teoriche linguistiche
· L'uso dello spazio e della linea del tempo
· L'importanza dello schema corporeo
· La forza delle espressioni facciali e delle posture
· I classificatori
· La vita, la cultura e la storia dei sordi

Per l'esercizio della professione ogni interprete deve essere in possesso di adeguato diploma o certificazione attestante il percorso formativo seguito ed il superamento di un esame finale.

In particolare devono essere garantiti degli standard qualitativi minimi quali: uso appropriato della grammatica della L.I.S. (corretto uso dello spazio, flessione verbale e nominale, corretta relazione soggetto-oggetto, uso appropriato e significativo dell'espressione facciale); criteri di scelta lessicale che si rivelino semanticamente corretti e appropriati alla sintassi; uso limitato dell'inizializzazione e della digitalizzazione sul modello della lingua in uso presso gli adulti sordi.


CAMPI DI APPLICAZIONE

L'attuale normativa prevede l'intervento d'interpretariato tra sordi ed udenti in specifici ambiti:

SCOLASTICO - applicabili la Legge 508/58, e le circolari del Ministero della Pubblica Istruzione n.163 del 16/06/83 e n.262 del 22/09/88
UNIVERSITARIO - applicabile l'art. 13 della Legge 104/92
LAVORATIVO - applicabile l'art. 7, comma II, della Legge 308/58
GIURIDICO E LEGALE - applicabili gli artt.56, 57, 58 della Legge Notarile, gli artt. 119, 143, 1238/1939 (Stato Civile ed Anagrafe)
PATENTE DI GUIDA - applicabili la circolare n.36/93 e la nota ministeriale n.3441/93 del Ministero dei Trasporti, e l'art.7 della Legge 308/58
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE - applicabile l'art.25 della Legge 104/92
SANITARIO - applicabile l'art.9 della Legge 104/92