oggi è , e gli utenti connessi in questo momento sono
 
 


L'INTERPRETE LIS è la persona abilitata a tradurre dall'italiano alla lingua dei segni e viceversa. L'interprete nel momento in cui compie un processo di elaborazione sul messaggio della lingua di partenza per riformularlo nella lingua di arrivo utilizza con padronanza sia il canale acustico-verbale, sia il canale visivo-gestuale. L'interprete deve avere un'ampia conoscenza di entrambe le lingue e le culture che utilizza, al fine di garantire la traslazione reale da una lingua all'altra di tutte quelle sfumature che diversamente non verrebbero rese.

L'attuale normativa italiana prevede l'intervento d'interpretariato tra sordi ed udenti in specifici ambiti:

1. SCOLASTICO - applicabili la Legge 508/58, e le circolari del Ministero della Pubblica Istruzione nr. 163 del 16/06/83 e nr. 262 del 22/09/88
2. UNIVERSITARIO - applicabile l'art. 13 della Legge 104/92
3. LAVORATIVO - applicabile l'art. 7, comma II, della Legge 308/58
4. GIURIDICO E LEGALE - applicabili gli artt. 56, 57, 58 della Legge Notarile, gli artt. 119, 143, 144 del CPP, gli artt. 124 e 603 del CPC, e gli artt. 105 e 129 del Regio Decreto Legge 1238/1939 (Stato Civile ed Anagrafe)
5. PATENTE DI GUIDA - applicabili la circolare nr. 36/93 e la nota ministeriale nr. 3441/93 del Ministero dei Trasporti, e l'art. 7 della Legge 308/58
6. INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE - applicabile l'art. 25 della Legge 104/92
7. SANITARIO - applicabile l'art. 9 della Legge 104/92